Elaborazione del LUTTO

TAFFO Onoranze Funebri - Elaborazione del LUTTO

La parola lutto deriva da latino “lugere” che significa piangere. Parkes (1980) afferma che il dolore del Lutto è naturale come gioia dell’amore: la sofferenza determinata dal distacco nasce dall’intensità del legame che sentiamo verso la persona che abbiamo perso.

Ne consegue che i distacchi fisici sono sempre ed anche distacchi emotivi. La perdita è una realtà propria della vita di tutti, nessuno ne è immune e probabilmente non si è mai pronti a vivere un simile momento. L’elaborazione di un lutto tuttavia è di norma fisiologica e consiste nell’accettare l’irrimediabilità del’accaduto, ripercorrendo un cammino che porta alla riorganizzazione del Sé e della propria esistenza su nuove basi. Sono molteplici i fattori che entrano in gioco nella reazione della persona ad una perdita: la struttura della personalità, la modalità in cui è avvenuta la morte, i fattori ambientali e i fattori culturali. Elisabeth Kubler Ross , psichiatra svizzera, considerata la fondatrice della Psicotanatologia (la disciplina del sostegno psicologico di fronte alla morte), individua cinque fasi nell’elaborazione di un lutto:

    NEGAZIONE : si rifiuta il lutto come meccanismo di difesa;

    RABBIA : quando si realizza la perdita, subentra un enorme carico di dolore che provoca rabbia, a volte rivolta verso gli altri, a volte verso se stessi e talvolta perfino verso la persona scomparsa;

    NEGOZIAZIONE : si tenta di reagire all’impotenza cercando delle risposte o trovando delle soluzioni per analizzare l’accaduto;

    DEPRESSIONE : ci si arrende alla situazione sia razionalmente che emotivamente;

    ACCETTAZIONE :  si accetta l’accaduto riappacificandosi con esso e riconciliandosi con la realtà. Non sempre però il passaggio da una fase all’altra è semplice e lineare, talvolta ci si può bloccare in un gradino dell’elaborazione ed in questo caso può essere utile ricorrere all’aiuto di uno psicologo. I sintomi che possono presentarsi in seguito ad un lutto, complicandone l’elaborazione sono i seguenti: sintomi a livello cognitivo, come la difficoltà di concentrazione, sintomi a livello emozionale come disperazione e tristezza, sintomi a livello comportamentale  come disturbi del sonno e dell’alimentazione, sintomi a livello somatico, quali i classici segni dell’ansia come cefalea e tachicardia ed infine sintomi a livello relazionale.

L’elaborazione del lutto consiste dunque in un processo che si compie nel tempo e che assume un andamento discontinuo, in cui l’individuo alterna momenti di maggiore consapevolezza a momenti di negazione o rimozione nei confronti della realtà della perdita.

Commenti su FACEBOOK

Commenti

Trackback URL: http://taffonoranzefunebri.it/elaborazione-del-lutto/trackback/

Leave a comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *